149 UNA INTERA STRATEGIA EVERSIVA POSTA ALLO SCOPERTO dal CASO PAOLO FERRARO e DALLA GRANDEDISCOVERY

149 UNA INTERA  STRATEGIA EVERSIVA POSTA ALLO SCOPERTO  dal CASO PAOLO FERRARO e DALLA GRANDEDISCOVERY 




[versione youtube consigliata con schede ed annotazioni in https://youtu.be/kvIXpSa-0gA]


Il golpe scientifico e strisciante venne ricostruito da Paolo Ferraro a partire dal 2011 e da frammenti la cui valenza GENERALE è oggi di fronte agli occhi di tutti.

Grillo ha in qualche modo capito, ma la consegna di non  parlare di una scalata sotterranea nelle istituzioni, nella politica e nell’alveo della pubblica amministrazione,  consente ancora che a livello ufficiale molti parlino SOLO della mera escrescenza politico giudiziaria cronachistica   di fatti  che avrebbero ed hanno una spiegazione ben più lucida e profonda.
Ciò che accadeva nella Cecchignola, ciò che accadeva ed accade nelle caserme  italiane ed è accaduto intorno e sotto l’omicidio Melania Rea,  ciò che è stato fatto gestendo “il caso Marrazzo”, la scalata criminale della e nella magistratura, i coinvolgimenti e ruolo di una precisa delimitata area eversivo giudiziaria intrecciata al mondo militare, le vicende tutte ruotanti intorno all’evento MAFIA CAPITALE ed al coinvolgimento di servizi ed altro, la gestione secondo il modulo Marylin di infiltrazioni che ormai sappiamo ben più estese del prevedibile di  persone manipolate  con metodologie ormai portate allo scoperto con prove DIRETTE e chiare,  la vicenda RAGGI prima che MARRA e  FRONGIA e ROMEO, ancora poco trasparente nelle righe di quello che Grillo ha finalmente almeno fatto intendere, lasciano sottoposto al tentativo di  isolamento  politico chi ha visto prima ed oltre sin dal 2011, spiegato e  provato con metodi e strumenti investigativi concreti e con PROVE verificabili e direttamente vagliabili. 
Nella fiera della idiozia collettiva gestita si vorrebbe ancora nascosta la spiegazione storica  e globale del lungo tragitto di una strategia eversiva sostanzialmente costruita utilizzando  destra e servizi militari e metodologie avanzate. 
Ma questa  gestita trasversale realizzazione di uno pseudo fronte unico sotterraneo rosso bruno, e di un cemento su cui assisi si siedono apparente destra e apparente sinistra, è ormai compresa da molti e la consapevolezza si va estendendo.
Noi che abbiamo adempiuto sulla nostra pelle il nostro dovere,  npn attendiamo più niente altro che  la gente capisca e sappia scegliere. 
L’inganno è finito, la consapevolezza cresce: ora si devono scegliere le persone cha hanno veramente a cuore istituzioni democrazia, Costituzione.
Forse il nostro sacrificio va servendo a qualcosa. Non prestate ascolto ai falsi profeti, alle micro cordate banali ed ideologiche solo, ora avete tutti gli elementi per capire sinanche chi ancora si affanna a disinformare e manipolare, sminuire e distrarre: hanno perso.   
Paolo Ferraro
CDD
Grandediscovery
Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

NELLA RETE GIUSTA. Silvia Canali, Stefano Pesci e la componente deviata esoterico romana. LA ORGANIZZAZIONE DEL SEQUESTRO DI PERSONA DEL 23 maggio 2009 ED UNA RICOSTRUZIONE OMNIA.

SE vuoi leggere, senza ascoltare e vedere prima, blocca il video CHE parte in automatico … 

NELLA RETE GIUSTA. 

Silvia Canali, Stefano Pesci e la cordata deviata esoterica romana. 

LA ORGANIZZAZIONE DEL SEQUESTRO DI PERSONA DEL 23 maggio 2009 ED UNA RICOSTRUZIONE OMNIA DEL CASO PAOLO FERRARO NELLA PIU’ GENERALE  GRANDEDISCOVERY.

ULTIME CONVERGENTI PROVE DIRETTE ECCEZIONALI.

Il 25 marzo del 2016 viene lasciata sulla segreteria telefonica del mio cellulare la dichiarazione-telefonata illuminante, e chiara che ascoltate in sottofondo: Silvia Canali appartiene/era in contatto con  quei mondi direttamente e  “ti è stata messa sotto” (n.d.r. nel 1995 ottobre).  Uu breve racconto relativo a persone a me note perchè note le attività “professional  giuridiche” della Canali sulla fine degli anni novanta e primi anni duemila, che, riscontrato da me, conferma ciò che è stato lasciato detto sulla mia segreteria telefonica. La telefonata fa pendant con la comunicazione della fine di agosto 2013  circa appartenenza/contatti  con mondi deviati ed esoterico militari  del PM Stefano Pesci già dalla metà degli anni ottanta.

Sei anni e mezzo fa il 23 maggio 2009 veniva sequestrato per il tempo necessario a portarlo in una struttura coattivamente, senza titolo, con un blitz criminale ancora impunito, il magistrato di Cassazione Paolo Ferraro, reo di aver capito troppo. 

Silvia Canali nell’ottobre 1995 fu mandata “sotto” al PM Paolo Ferraro, partecipava degli stessi mondi,  riferibili a Stefano Pesci sin dal 1985 (esoterico militari),  e organizzò e cogestì il sequestro di persona,  già IMPOSTO telefonicamente da Stefano Pesci nel febbraio 2009, casualmente scoperto  ed ascoltato mentre “operava” pressando l’ìnterlocutore ( “va bloccato, TSO o lo fate voi o lo facciamo noi”), ed  al volo eseguito poi un mero sequestro di persona in radice illegale perchè non arrivassi a denunciare tutto a Perugia, sotto la spinta determinante dello psichiatria di apparato deviato LUIGI CANCRINI. 

Silvia Canali,   divenuta moglie dell’ignaro Paolo Ferraro, era stata colta nel 2006 in una stravagante e sospettissima relazione con un rumeno aspirante amatoriale porno attore (anche), simpatizzante di Rifondazione Comunista, accompagnato alla futura moglie, che lavorava in un night accanto al Parlamento. Veniva dalla stessa città che ha dato i natali al tenente colonnello Andrea Raffaelli già inquadrato nei R.O.S. al 2011 e poi con “incarichi” internazionali nello stato maggiore dell’Arma dei Carabinieri,  da quell’epoca ed attuale convivente della avv. Silvia  Canali, in  abitazione di proprietà non sua e senza autorizzazione.  IL tutto nel 2006 con la copertura e compartecipazione attiva dell’AVV. Enrica Graverini, non solo testimoniata dallo scrivente ma video testimoniata da un accertamento investigativo e video accertamento già prodotto a più autorità giudiziarie. Non immettiamo qui la ennesima prova video della strutturata attività di destabilizzazione psico affettiva, per tutela della privacy del ragazzone rumeno .. e non lo faremo, se non saremo “costretti”, pur già autorizzati per iscritto a poterne far uso , a scopi “difensivi” latu sensu e sin dal 2007. 

§§§§§§§§§§§§§
Estratto dal MEMORIALE 7 marzo 2011. 
PARTE SECONDA: IL SEQUESTRO DI PERSONA ED IL RUOLO COMPRIMARIO DI SILVIA CANALI 

Paolo Ferraro avendo registrato con mezzo improvvisato ma  con grande intuito investigativo, ed analizzato poi dettagliatamente quel che emergeva in  quel di Cecchignola nel novembre 2008 e che si muoveva intorno a lui, stava per scoprire TUTTO  e doveva essere distruttivamente fermato. 

E la donna della Cecchignola la Sabrina, era stata presentata e poi “riproposta” nel 2006 novembre e 2007 maggio, a più riprese, reiteratamente  e in modo  già allora per me incomprensibile, dal magistrato Roberto Amorosi, dell’ufficio legislativo del Ministero degli Esteri , nel 2007, medesima cordata Giuseppe Cascini e Stefano Pesci 

[http://www.paoloferrarocdd.eu/la-finale-ricostruzione.completa/].


CECCHIGNOLA LA PSICOSETTA A BASAMENTO MILITAR ESOTERICO E COPERTURA SATANISTA. MEMORIALE PARTE PRIMA CECCHIGNOLA VICENDA A MONTE SABRINA

Ma una intera cordata piccola coperta e deviata di magistrati legati a specifici carri che avevano letteralmente in progressione occupato  la Procura di ROMA per esserci stati immessi nel tempo, aveva ex post collaborato o non dissentito sinanche diffamando sotterraneamente .


LA ANALISI CONCLUSIVA 

IL sequestro di persona del 23 maggio 2009  organizzato da LUIGI CANCRINI, (psichiatra massone del Partito dei Comunisti Italiani, abruzzese psicoterapeuta e ipnoterapeuta, coinvolto come “responsabile” scientifico tra le altre nelle sperimentazioni sui tossicodipendenti della SAMAN di Latina e in tanto altro) vide il diretto e “trattato” coinvolgimento di parenti “deviati” e manipolati Marco Ferraro, Simonetta Ferraro e  un figlio  solo legale Fabrizio Ferraro). VEDI STRALCIO DAL MEMORIALE IL SEQUESTRO DI PAOLO FERRARO E IL “DIARIO DI GINO FERRARO” 

Sarebbe poi emersa nel prosieguo una intera cordata di psichiatri a loro volta  incastrati con i loro stessi racconti su attività che svelano uno spaccato di potere , strutturato per il controllo della magistratura e della politica, 

oltrechè con analisi e prove dettagliate sulla “Operazione Paolo Ferraro” (Si veda oltre il Capitolo quarto dell’atto depositato in Consiglio di Stato).

Cantelmi e lo strappo dei TEST

VEDI 


UN PROFILO ARTIFICIALE INVENTATO A TAVOLINO


UN PROFILO ARTIFICIALMENTE COSTRUITO. Seconda parte. La sgangherata e deliroide geometria manipolativa.


PROTOCOLLI PROFILAZIONE E GESTIONE OPERATIVA.

E nel dicembre 2012, dopo che morirono per “infarto naturale da cause da accertare” sia Pietro Saviotti che Alberto Caperna, il magistrato di Cassazione  Paolo Ferraro  veniva dispensato dal servizio in base ad atti, dati, consulenza INTEGRALMENTE FALSIFICATI ed inventati di sana pianta, mediante  una declaratoria ideologicamente falsa (reato)  di “inettitudine” impossibile a credersi, smentita per tabulas, e caratterizzata  dalla compartecipazione di alcuni Aggiunti prestatisi nel giugno 2011 ad una surreale pantomima di corsa, esclusi ovviamente i “poi” “infartuati” Pietro Saviotti e Alberto Caperna. Le audizioni al CSM restano come  prova della volgare orchestrazione non certo condivisa tra tutti, ma anche come un  indizio significativo circa del perchè   Pietro Saviotti e Alberto Caperna avessero capito e stessero dalla parte del vero e di chi scrive.

 http://www.paoloferrarocdd.eu/le-audizioni-al-csm/

Il tutto avvenne previa manipolazione invertita dei fatti accertati sempre da Paolo Ferraro in quel della Cecchignola, e fu a tavolino costruito da Giovanni Ferrara, Agnello Rossi e Stefano Pesci, con la solita becera tecnica massonico protocollare della soggettivizzazione di dati e fatti e della loro “psicologizzazione” strumentale. 


Le registrazioni e la scoperta con tutto quel che ne consegue del mondo  militare controllato da servizi di quel della Cecchignola, le ricostruzioni mediante intercettazioni tra presenti dei ruoli e delle responsabilità , le analisi dettagliate e le ricostruzioni, …..

 

e le coperture eccellenti e la violenza esercitata contro il magistrato che poteva capire tutto, aprirono la Grandediscovery1. 

ed un intero sito paoloferrarocd.eu analiticamente strutturato per capitoli raccoglie ad oggi ed in progressione aggiornato, tutta la mole delle prove dirette e analisi conseguenti e ricostruzioni, dettagliate al massimo possibile e sempre accompagnate da riscontri.

[Entrambi i siti sono scaricabili OFF LINE SU PC in formato zip e scompattati,    cliccando poi nella directory principale creata sul file index.html,  consentono di navigare integralmente sul proprio pc. CLICCA PER OTTENERE I SITI OFF LINE QUI.

Va comunque infine solo menzionato un coinvolto mondo esoterico, che girava invece nella rete e rimbalzava sotterraneamente a Roma tra il quartiere Parioli e relativi luoghi istituzional universitari, Nomentano e Monteverde e Cecchignola, anche con funzione di  depistaggio e copertura degli apparati e gruppi tutti riconducibili alla fin dei conti ad una destra di regime ed  eversiva collegata, ben oltre gli specchi esoterici per allodole, ed infiltratasi abbondantemente in aree partiti e  realtà politico sociali.                 Dopo un abbraccio “peloso” nel 2011, subito intuito, questo cemento nascosto  sarebbe stato letteralmente scoperto incastrato e  denunciato pubblicamente pezzo a pezzo. Esso ha anche contribuito involontariamente a svelare intrecci e rapporti trasversali (unificati sotto un ormai scoperto consociativismo “massonico” e “fra massonico” a copertura “satanista” sinanche) che altrimenti non sarebbe stato possibile individuare e “calibrare”. Il tema viene analizzato e ricostruito in “LA FINALE RICOSTRUZIONE COMPLETA”   ma si vedano :

§§§§§§§§§§§§§

La analisi storica dei fenomeni che si erano schiusi ad una osservazione più profonda veniva portata ad una serie di punti fermi attraverso un dettagliato lavoro che qui è il caso solo di richiamare in nota (1).

Ad oggi alcuni esoteristi massoni della finta/inutile controinformazione, che lavorano anche per & con un preciso substrato  eversivo di ispirazione ideale e matrice resa confusa dalle loro infiltrazioni,  allargata  per vari  decenni acquisendo una apparenza bicromatica double face,  hanno dato in una loro specifica “componente” un mero colpettino  di coda, utilizzando un “fratello”.

Costui si è esibito “occasionalmente” in un tentativo di mezza stroncatura ridicolo, ma che va solo a loro ulteriore danno e ludibrio, visto che hanno utilizzato “chi non cura programmaticamente, e NON ha letto, ed  afferma  l’opposto di quello che in concreto risulta fatto”. 

Il che è la ennesima prova di una attitudine amatoriale o semi professionale alla manipolazione invertita che ha precise radici in casa loro, esoterica  e gnostico deviata. 


Ma erano stati incastrati uscendo allo scoperto definitivamente già dal 2013 e nel gennaio 2014, emergendo lo spaccato trasversale e le colleganze criminali (che di reati si parla intorno e dentro al caso Paolo Ferraro),  mediante la analisi di una sola trasmissione radio.  http://www.paoloferrarocdd.eu/grandediscovery1/escono-allo-scoperto-incastrati/

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Che dire : ora veramente quadra tutto,  e mentre gli attacchi si sono fatti diretti nel maggio 2015 e maggio 2016 (ma abbiamo resistito acquisendo ulteriori PROVE anche su questi, prove che  sono e saranno oggetto della grandediscovery3),  non chiedere collettivamente a voce alta a chi deve un intervento atto a TUTELARE e far rientrare in magistratura il MAGISTRATO Paolo Ferraro costituisce ormai una COLPA grave collettiva.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Nota (1) Solo alcuni documenti … 

– * CONFERENZE/INTERVISTE PER CAPIRE LA ANALISI E LE PROPOSTE DEL CDD
DV007 Il progetto da fermare la politica da fare
DV006 3 aprile 2014 POTERI FORTI E FORZE DEI POTERI 1 ALTERNATIVA DEMOCRATICA POSSIBILE
114 Le strategie eversive Paolo Ferraro INTERVISTA
Paolo Ferraro Analisi contro le teorie ingenue, armi di distrAzione di massa, per la vera Altenativa
106 Italia paese di confine Realizzare cosa sta accadendo Paolo Ferraro
65 QUELLO CHE NE’ INGROIA TRAVAGLIO E GRILLO NE’ NESSUN ALTRO DICE INTERVENTO DI PAOLO FERRARO
LEGENDA :UNA INTERVISTA LUNGA E TRE SPEZZONI MEDI CHE RACCHIUDONO BUONA PARTE DEL TUTTO E POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER UNA SINTESI …
114 Le strategie eversive Paolo Ferraro INTERVISTA
Paolo Ferraro Analisi contro le teorie ingenue, armi di distrAzione di massa, per la vera Altenativa
106 Italia paese di confine Realizzare cosa sta accadendo Paolo Ferraro
Qui invece ci sono approfondimenti teorici su q TAVISTOCK ed al progetto
 DV007 Il progetto da fermare la politica da fare
DV006 3 aprile 2014 POTERI FORTI E FORZE DEI POTERI : ALTERNATIVA DEMOCRATICA POSSIBILE
– * GLI articoli su TAVISTOCK , controllo sociale e culturale e creazione del metodo e della pseudo ideologia complottistoide
– IL CDD CONTRO LE TEORIE INGENUE CHE MANIPOLANO DEVE AGIRE E ASSICURARE UN PERCORSO POLITICO CONSAPEVOLE PER UNA ALTERNATIVA REALE.

– ORA LA SUPERGLADIO E’ ALLO SCOPERTO.
LA SUPERGLADIO e gli apparati deviati che stanno dietro alla regia di numerose attività criminali, e di controllo dell’informazione, hanno puntato per venti anni a cinque essenziali cose

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

IL TRITTICO E l’IMPOSSIBILE QUADRATURA DEL CERCHIO. Dedicato ai padri figli e madri.

Dedicato ai padri figli e madri che hanno impattato contro un certo tipo di uso “pressato” della giurisdizione ridotta a strumento per fini altri, estranei alla equilibrata tutela della genitorialita’ e dei minori.
Questa riedizione dell’articolo “TRITTICO”, integralmente aggiornato, completo di slide, concernente l’uso eterodosso del divorzio e la pista per la distruzione economico socio affettiva del magistrato Paolo Ferraro, prepara l’articolo&documento prossimo venturo sulla sentenza di primo grado di recente depositata.
Una “motivazione” “emblematica” “confessoria” ed una sentenza da appellare, che ha reso tutto ancor più chiaro, semmai ce ne fosse bisogno.
Quello che e’ stato fatto al ed intorno al magistrato Paolo Ferraro, travalicando fantasia e tutti i possibili valori e limiti, costituisce un “unicum”.
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

UN NO FORTE E CONSAPEVOLE A DIFESA DELLA COSTITUZIONE PLURALISTA PER RICOSTRUIRE DAL GIORNO DOPO DEMOCRAZIA E LEGALITA

“UN NO FORTE E CONSAPEVOLE A DIFESA DELLA COSTITUZIONE PLURALISTA PER RICOSTRUIRE DAL GIORNO DOPO DEMOCRAZIA E LEGALITA’’.

Paolo Ferraro CDD

[Versione con schede ed annotazioni consigliata https://youtu.be/G53WPcifDGo]

 
Già In diretta live a ciclo continuo dal 30 novembre sul canale CDD HANGOUT
http://www.youtube.com/c/CDDHANGOUT/live e su tutti i siti e blogs del CDD, diretta assicurata dal canale Salvo5.0 e da vedere sul sito di salvo Mandarà
 
LA TERZA via contro ogni eversione del nostro sistema costituzionale sta nascendo sul NO FORTE E CONSAPEVOLE che arginerà la revisione della forma di governo, che vorrebbe infine alterare definitivamente la matrice pluralista e democratica della COSTITUZIONE più bella del mondo.
L’esito previsto e voluto dopo venticinque anni di aggiramento, destrutturazione nei fatti e di percorsi visibilmente segnati da illegittimità costituzionali, imploderà grazie alla mobilitazione collettiva più importante degli ultimi decenni.
Masse attive per difendere la unica e vera legalità che appartiene ed interessa ai cittadini italiani titolari della COSTITUZIONE “più bella del mondo”.
VENCEREMOS.
———— §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§ ———


IL 4 dicembre ANDIAMO A VOTARE SU UNA NUOVA COSTITUZIONE AFFATTO DIVERSA .. con 47 articoli nuovi .. mentre la Costituzione prevede “revisioni” parziali ..
Un Governo proponente si è quindi eretto a COSTITUENTE e questo è la più grave violazione dello stesso spirito costituzionale: UNA COSTITUENTE “POLITICA” PARTITICA e DI MINORANZA che ha posto poi sinanche il sigillo politico di parte, mettendo in correlazione il voto nel referendum con la sopravvivenza politica del Governo stesso (un lapsus ed una gaffe che svelano più di ogni altra considerazione)
Quindi un Governo con una “maggioranza” del 15 per cento di tutti gli elettori o 30 per cento degli elettori , artificialmente gonfiata da un premio ed una legge elettorale già dichiarati incostituzionali, violando i limiti indicati nella sentenza della Corte Costituzionale n.1 del 2004 ed aggirando i limiti intrinseci del principio di continuità dello Stato indicati dalla stessa Corte Costituzionale, ha posto in essere un tentativo di destrutturazione dell’assetto ed equilibrio costituzionale dell’Italia nella forma di governo
Ne risultano radicalmente modificati nella pratica pluralismo, assetto parlamentare, funzione legislativa, e basamento del principio delle autonomie locali, annullando il contrappeso tra organi costituzionali che verrebbero tutti allineati e controllati, mediante le nomine “maggioritarie” assicurate tramite la correlata legge elettorale ITALICUM, illegittima costituzionalmente e nata per la sola camera dei deputati e quindi già prevista come funzionale alla tentata revisione costituzionale, in prospettiva,
Un PERCORSO PARLAMENTARE fatto di salti, “canguri” strozzature e forme di Aventino ( opposizione uscita dall’aula) vorrebbe far nascere una Costituzione della discordia. che già ora ha diviso trasversalmente il paese, in maggioranza contrario.
Di fronte ad una revisione costruita su un colpo di mano e ad un referendum su 47 articoli ed oltre settemila parole nuove introdotte con pessima tecnica legislativa, ed alla violazione dello stesso meccanismo referendario perché impossibile VOTARE su un macro miscuglio inscindibile, anche il referendum è stato ridotto strutturalmente ad un plebiscito.
 
LA COSTITUZIONE NON E’ A DISPOSIZIONE DELLE MAGGIORANZE .. artificiali altresì.
LA COSTITUZIONE ITALIANA, FONDATA SUL PLURALISMO SUL PRINCIPIO COERENTE CON IL PLURALISMO DELLA RAPPRESENTANZA PARLAMENTARE DI TUTTI GLI INTERESSI DEL PAESE, SULLA DIVERSIFICAZIONE DEI CONTRAPPESI E DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI E LORO EQUILIBRIO, E SUL PARLAMENTARISMO VERREBBE RIBALTATA O RIDOTTA AL LUMICINO….. E LA FALSA CONTRAPPOSIZIONE TRA UN PRIMA “sotto la vecchia Costituzione “ ed un dopo con la nuova Costituzione è l’irridente GIOCO MANIPOLATIVO DI CHI SI APPRESTA POI A FARE ALTRI PASSI DOPO AVER AGGIRATO LA NATURA RIGIDA E CONSEGUENTE DELLA NOSTRA CARTA FONDAMENTALE, potendo contare secondo ipotesi sul CONTROLLO CONTEMPORANEO DI TUTTI GLI ORGANI COSTITUZIONALI E SU UN GOVERNO STABILE DECISIONISTA “MAGGIORITARIO”.
VOTARE NO in tanti, tantissimi per salvare la Costituzione, il paese e la reale democrazia, è la unica possibile risposta e costituisce il fermo ormai divenuto irrinunciabile a questa deriva partita da molto lontano.

 

PAOLO FERRARO. CDD.

PER CHE VOTARE E PERCHE’ VOTARE NO.

PAOLO FERRARO. CDD.

VOTARE E VOTARE NO affinchè non si instauri un regime autocratico che resa debole la Costituzione attraverso il dominio instaurato sugli organi costituzionali, con il supporto efficace della legge elettorale ITALICUM incostituzionale a sua volta, cambierà poi definitivamente l’assetto democratico e pluralista del nostro paese.

VOTARE E VOTARE NO per arginare sul Piave la distruzione della nostra Costituzione, ultima tappa di un percorso eversivo durato 25 anni, che la ha accerchiata con trame eversive, per isolare poi e mettere all’angolo le altre forze eversive che lavorano sotterraneamente.

VOTARE E VOTARE NO per ricostruire democrazia ed una svolta e progetto economico sociale che dia una speranza all’Italia ed ai nostri figli.

Paolo Ferraro “Due o tre sono i nemici della TERZA VIA tra mondialismo e nazionalismo subalterno o nazi-komm. Il primo che abbiamo di fronte tutti verrà sconfitto per la prima volta con il NO, il primo e il secondo che opera sotterraneamente e con metodologie “indifferenti” a qualunque forma di potere e governo e militari e di infiltrazione sotterranea titolare di una strategia nazional militarista e neo NAZI-KOMM, unitamente al terzo, la componente parcellizzata delle vecchie micro casticelle politiche e che impersonifica un sovranismo nazional perdente e nazional subalterno, verranno sconfitti A PARTIRE DAL NO alla distruzione della Costituzione.

Occorrerà dopo il no UNA UNICA E GRANDE STRATEGIA DI INDIPENDENZA VERA NAZIONALE E DI RICOSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA ECONOMICO SOCIALE, prendendo atto della crisi strutturale, della crisi capitalistica nell’ancient occidente e del ruolo cui è destinata l’Italia. SOLO UNA LUCIDA POLITICA E SOLO UN NO FORTE CONSAPEVOLE E STORICO POTRA’ VINCERE NEL LUNGO PERIODO.

Gli inutili idioti del “che voto a fare”, le inutili cassandre del tanto peggio tanto meglio, gli scherani pagati della disinformazione anche nella versione complottistoide e nichilista, vanno “schiacciati” con la logica, la consapevolezza e con la denuncia del loro trolleggiare per conto o “nell’interesse di terzi” .

Continuare a LOTTARE PER UNA VERA ALTERNATIVA e passare alla vera democratica e legale guerra alle casematte del potere deviato (secondo) saltando più pari il nazionalismo imberbe e piccolo borghese massonico “neogiuridico” (terzo), sarà la vittoria storica di quel NO FORTE E CONSAPEVOLE che avrà cominciato a vincere già nel REFERENDUM: una lunga marcia si vede dal passo dalla forza e dalla determinazione. Essa va crescendo ora dopo ora giorno dopo giorno. Paolo Ferraro

,

 

#iodifendoilno
#iovotono
#rompereilsilenziosumagistraturadeviata
#rompereilsilenziosupsichiatriadeviata
#rompereilsilenziosugolpestrisciante
Paolo Ferraro
CDD
Grandediscovery
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

L’INQUINAMENTO DELLA POLITICA E DELLA SOCIETA’ ANCHE CON METODOLOGIE CERTAMENTE MILITARI E’ ORMAI UN DATO REALE E CONCRETO. TUTTO QUESTO HA PRECISE CONSEGUENZE POLITICHE, DI METODO E DI MERITO, ANCHE SE MOLTI NICCHIANO

L’INQUINAMENTO DELLA POLITICA E DELLA SOCIETA’ ANCHE CON METODOLOGIE CERTAMENTE MILITARI E’ ORMAI UN DATO REALE E CONCRETO. TUTTO QUESTO HA PRECISE CONSEGUENZE POLITICHE, DI METODO E DI MERITO, ANCHE SE MOLTI NICCHIANO.  

Quando una esagerata iniziativa ed il bloccare un video in tutti i paesi, aiutano ad aprire le meningi ….


VIDEO BLOCCATO IN TUTTI PAESI

 








 
 
IL CLIP VIDEO RECUPERATO ed il motivo di fondo per cui il video  appresso, creato nel 2012,  fu “bloccato in tutti i paesi”
 



1.UN PERCHE’ PIU’ PROFONDO. IERI. TROPPA VIOLENZA TROPPO SILENZIO. 

Per lungo tempo ci siamo interrogati sul perché più profondo della esagerata violenza distruttiva esercitata su Paolo Ferraro,  in particolare tra il 2012 ed il 2013, e infine sulla gravità di “immissioni” in segnalati “ambienti civili” non rese ancora pubblicamente note ma munite di prova diretta, con metodiche inquietanti e di assonanza “anche” militare, del maggio 2015 e maggio 2016 (“grandediscovery3 per ora inedita ma “poggiata” in luoghi e presso  persone opportune, in “attesa” ..).

 
 
 

Maggio 2016 micro stralcio


 
 

Maggio 2016 micro stralcio

E non riuscivamo a darcela una risposta  totalmente esaustiva, nonostante la evocazione di scenari già fatta nel MEMORIALE del 2011, in particolare  nella sintesi finale a chiusura.  
Incursioni ultime troppo simili alle “incursioni” nella Cecchignola (2008) da noi scoperte e registrate per intuito investigativo, e incursioni ultime rispettivamente conseguenti temporalmente alla grandediscovery2 sul mondo della chimica e trattamenti sperimentalinel tessuto laziale (primavera 2015), e alla gestione pubblica della fase cautelare del ricorso in consiglio di stato (primavera 2016), che “appesantivano il quadro” oltre misura.
La ultima recente vicenda giudiziario amministrativa in fase “cautelare”, propalata a tutte le
possibili sedi istituzionali e gestita con grinta, svelava dal canto suo per la ennesima volta un
accanimento incongruo e sguaiato, una manipolazione “scritta” 
extra ordinem addirittura inspiegabile, di
documenti e realtà processuali negate sinanche nella consistenza fisica dell’atto fondamentale depositato, e con una frase ellittica o con una assurda argomentazione manipolativa nella memoria dell’avvocatura dello Stato, contraddetta dai  dati obiettivi.  
Tanto evidente era  la cruda e palese fuoriuscita dallo Stato di diritto, che il tutto è apparso troppo smaccato per non doversene dare una spiegazione più profonda. 

Così come poi inspiegabile era la patente forzatura criminale della istanza di amministrazione di sostegno che era stata depositata e “vergata” come tutti hanno visto, nel dicembre 2012, quando Paolo Ferraro era ancora un magistrato in ruolo, e assommando una sequela di falsificazioni e formulazioni astratte e dir poco ripugnanti alla logica ed alla ragione puntualmente smentita addirittura dalla stessa documencazione richiamata. 

Nessun magistrato sano di mente avrebbe mai scritto quelle cose palesemente artificiali e contraddette de plano, riflettevo, e doveva esserci una spinta talmente potente dall’alto da dover essere irresistibile (Alberto Caperna non c’era più, morto di infarto per cause naturali da accertare, da c.a. un mese, e Pietro Saviotti da quasi undici mesi). 

In piu’ il carattere assordante del silenzio sul caso accomunava personaggi vicini intellettualmente, tutta la magistratura e tutto il mondo politico istituzionale, ivi compreso soprattutto il movimento cinque stelle: troppo anche per un  silenzio “massonico” e ben oltre condiviso e troppa paura negli occhi di personaggi che ben conoscevano addirittura a fondo Paolo Ferraro e non potevano non sapere.
Non alludo ma denuncio pubblicamente il grave e colpevole silenzio tra gli altri di Ferdinando Imposimato , che mi conosceva sin dal 1984 per aver io lavorato per un mese con lui, e partecipato come giovane magistrato addirittura alla ricostruzione con esperimento giudiziale, seduto accanto a Morucci ed alla Faranda, del primo tragitto del rapimento Moro sin da via Gradoli, fatta nell’ambito del processo MORO TER.

Imposimato nel marzo 2011 fu informato di tutto ciò che accadeva a me al millesimo, ed esibitosi in un consiglio addirittura risibile e inutile ( “annnotati tutto quello che fanno”), se la diede a gambe ed ha da allora propalato tesi sempre piu’ complottistoidi generaliste (“è stato il bilderberg”),  ancorando la sua descrizione ed il suo meno superficiale approfondimento  alla fine degli anni settanta ma, chicca  delle chicche, fornendo una non spiegazione sconvolgente ottusa, per il suo appiattimento ad una vulgata magistratuale, sull’omicidio di Giovanni: FALCONE era (n.d.r. solo) “malvisto perchè voleva la separazione delle carriere ” ……

 
 
Cosa significhi nascondere col silenzio venticinque anni di “nuove” trame e strategie coperte e tradire una persona e magistrato per bene  non lo dico, non serve. 

Per non parlare di De Magistris,  che più volte interloquito al cellulare nel 2012 si è sempre trincerato in un pavido silenzio addirittura quasi impaurito visibilmente, non “seccato”,  della mia occasionale presenza ad una manifestazione romana che “lanciava” il partito “arancione“: ovviamente era uno spettacolino costruito al millesimo e non fecero parlare chi scrive. Mi accompagnava un amico noto nel web.

Non posso tediare ancora chi legge, sul silenzio preoccupato ma ben più più rispettoso e consapevole di Nino Di Matteo, sul Procuratore Generale di Palermo,   sulla chiusura del neo Procuratore di Torino succeduto Giancarlo Caselli con cui mi misi in contatto nel 2015 (lo stesso che avevo “avvertito” di quello che emergeva a prima vista, nell’aprile 2011) e sulle moltissime altre interlocuzioni negli anni 2011 e 2012 che svelavano un silenzio consapevolmente preoccupato ma confermavano anche esplicitamente una paura irrefrenabile (rigorosamente espressa a quattro occhi dai “romani” traumatizzati dalla epidemia di infarti del 2012) su ciò che accadeva anche “intorno” al mio CASO ed alla GRANDEDISCOVERY. 

Allora solo uno, un vero magistrato, Giancarlo Caselli (nel 2012 si badi) studiò preoccupato e valutò, e mi scrisse accorato alcune cose … concludendo  “ Paolo, non posso fare nulla”. Si è però poi dimesso da Magistratura Democratica che faceva scrivere sulla rivista soggetti appartenenti in passato all’eversione di sinistra (finta) e nel 2015 dalla magistratura.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Feci appena  in tempo allora nel novembre 2’12 a scattare uno screen shot dell’articolo

Sempre nel 2012 ricorderete, già era uscito un articolo a dir poco centrale, ma di poche righe sul blog “VITTIME della P2”, poi eliminato dalla rete con una perdita secca di dati preziosi, redatto da un giornalista in clandestinità e perseguitato da quando aveva lui capito e scoperto,  anzi ricevuto pressioni/informazioni certe da parte di emissari in quel dell’Austria, che  svelavano la esistenza di un apparato pericolosissimo di livello internazionale e di matrice coperta militar nazista, vero e proprio braccio armato e centrale eversiva  forte, ad altissimi livelli attrezzata. 

Su quello che è accaduto a Melania Rea, dopo il tappo messo dalla condanna definitiva del “marito” sotto ufficiale  Parolisi, e sui piani profondi indicati, nulla di più concreto, ad oggi ..e vi è copiosa documentazione di riferimento.
 

Nel frattempo per cinque anni  abbiamo ricostruito l’intero CASO PAOLO FERRARO nei minimi dettagli,  portando ad analisi generale (GRANDEDISCOVERY) quanto emergeva,  e regalando l’intero lavoro organizzato su due blogs webnode,  munito di prove dirette documenti video audio unici.


 
I
BLOGS “OFF LINE”  PAOLOFERRAROCDD.EU e GRANDEDISCOVERY [+ grandediscovery su altervista.org] SCARICABILI IN LOCALE SU PC, LI TROVI IN REGALO, FORMATO FILE ZIP ed anche permanentemente aggiornati, 
QUI 

https://drive.google.com/…/fol…/0B4_ZMKes3GNlY2NCWGk3d3NteVU e IN FB  https://www.facebook.com/groups/CDDDUE/files/ .

ISTRUZIONI : scaricare e scompattare su pc il/i file .zip, cliccare poi sul file index.html nella directory principale creata sul pc.

                                    §§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


2.
OGGI. IL SILENZIO ROTTO DALLA EVOLUZIONE DEI FATTI, AL POSTO DELL’OBLIO SPERATO. 
Nell’ottobre 2016 la grandediscovery 1, 2 e “3” e’ gia’ a compimento, mentre stiamo arginando in tanti l’assalto alla Costituzione italiana, ormai su un fronte amplio e consapevole,   ed il complottistoidismo è gia’ morto e seppellito, ridotto a un circuito più isolato e non credibile che mai, e non ve ne eravate accorti. 
Ma pochi ricordano o citano la banale constatazione che dalla prima ed unica conferenza stampa nostra del 2011  venivano scritte spiegate e diffuse analisi complete presaghe (con prove e dati indizianti gravissimi), e che tutto si e’ avverato sino ad oggi dal 2011. E la conferenza del 2012 a Resana ha immesso “a voce” nel circuito informativo del web, un primo quadro semplificato e lievemente ingenuo ma abbastanza completo.
 

  

Ma  proprio oggi alcune “testimonianze”  svuotate di concreti contenuti messe insieme al clip   bloccato “in tutto il mondo”  prendono  una forma,  sostanza e peso specifico nuovi. 
Il motivo di fondo per cui il video in epigrafe ed appresso, creato
nel 2012,  fu “bloccato in tutti i paesi”,  tanto  da cancellarlo ovunque e soprattutto in
youtube, invece era percepibile con poco sforzo, dietro a questioni di copyright ed altre.
Nel video la vicenda O’Brein  mito nel mondo complottistoide double face,  prendeva   una nuova forma non prevista in quanto veniva collegata ad una prima denuncia affatto diversa di un magistrato sotto attacco per aver capito troppo di persona e poi collegata a servizi televisivi “coraggiosi”: la  nostra “lineare denuncia”  pubblica ed ancorata a concrete realtà militari, munita già di prove dall’aprile 2012, emergeva poi separatamente nella rete  tramite  una intervista “sfuggita di mano” nel dicembre 2011 ad  un personaggio “intervistatore” a me allora ignoto (tantopiù  nei suoi pregressi poi  appresi, personaggio che nulla poteva avere a che fare con me).
 


(La diffusione di notizie in modalità “generalista”, relegata ad un ambito gia’ incapsulato,  era ed è invece strutturata come mera narrazione “attuale” svincolata dalla  allusione anche solo ad apparati concreti militari protagonisti organizzati di attivita’ segrete e soprattutto  svincolata dalla  concreta  dimensione strategica, oppure si presenta come riportata  al solo passato, con  documenti e vecchie banche dati e certo certo resta  totalmente priva delle prove DIRETTE che invece caratterizzano la grandediscovery1, e la grandediscovery2, ( e con la grandediscovery3 se ne vedranno delle belle, salvo soluzioni  insperate ma cercate ). 

Il mondo cinematografico e televisivo a sua volta si è attenuto ad un protocollo simile, con qualche significativa e, in un caso, involontaria eccezione. Di seguito uno stralcio di una trasmissione su canale 5 che avrebbe potuto per riflesso ovvio relegare nell’alveo del cinematografico fantastico il tutto, ma che nelle concrete condizioni da me scientemente create di parallela diffusione di analisi e dati reali, volti anche a svincolarmi dall’abbraccio complottistoide  “più peloso”, ha contribuito a porre un piccolo tassello involontariamente, ed   un opposto risultato “utile”).  

 
 
 
Cinque anni di analisi dati e prove dirette analizzate,  con un lavoro indefesso [www.grandediscovery.webnode.it    www.paoloferrarocdd.eu] che è  culminato e concluso per la grandediscovery1 con il video 

 

 



si sono succeduti,  e cinque anni fà noi stessi, anche e proprio vedendo il video più sopra,  non potevamo capire a sufficienza se e quanto si fosse ben più avanti delle sperimentazioni, nel controllo della politica e della società tramite uomini e donne infiltrati e manipolati. 

OGGI E’ INFINE EVIDENTE CHE IL LIVELLO TOCCATO E POI SCOPERCHIATO DA PAOLO FERRARO SUPERAVA LA CORDATELLA MOBBIZZANTE DELLA PROCURA ROMANA DEVIATA, MA  ATTINGEVA,  PER ESSER STATO IMMESSO IN UN TERMINALE SENSIBILE LA VITTIMA DESTINATA, UNA REALTA’ POLITICO MILITARE IMPENSABILE PRIMA, UN PIANO “INTOCCABILE” E VARI SEGRETI DI ALTO LIVELLO SOPRATTUTTO STORICO E POLITICO. 

Ecco la probabile altra e più profonda ragione della eccessiva violenza distruttiva inscenata e messa in campo,   cui abbiamo saputo resistere (in precedenza abbiamo già messo in evidenza che la memoria esposto del 3 novembre con rivelazioni sullo “studio” “femminile” tra il VATICANO e piazzale Clodio -di gestione militare- di cui avevamo avuto nell’agosto 2012 analitico dettaglio dalla organizzatrice per conto generale marito di stampo e appartenenze anche esoteriche, e le indicazioni che si riconnettevano a un frammento correlabile  a via Poma  avevano creato comunque per cont loro una certa “grande tensione“). 

 



E la componente deviata egemone nella Procura romana , che aveva fatto anche per conto terzi il gioco mobbizzante della infiltrazione della vita di Paolo Ferraro, doveva porre rimedio all’errore di aver pensato di incastrare Paolo Ferraro anche in uno scontro ipotetico diretto con quei livelli di potere, avendo  indirettamente fatto porre allo scoperto tutto quello che è poi stato oggetto di analisi compiuta e prove, ma soprattutto un grande segreto militar internazionale atlantico e dell’occidente  senescente ( un segreto di pulcinella  a suo modo, a ben vedere, ma una volta scoperchiato e dettagliato negli   aspetti principali, la analitica e prolungata rivelazione,  se non eliminata o destituita di qualsiasi  credibilità distruggendo il soggetto portatore, indeboliva le strategie interne e poteva creare reazioni istituzionali non agevolmente controllabili). 

E così si spiegano meglio a livello di quadro,  i dubbi corposi sulle morti nel 2012, da infarto per cause naturali da accertare, degli AGGIUNTI della PROCURA DI ROMA, Pietro Saviotti, da sempre esperto nazionale di eversione e dei reati contro la personalità dello Stato ( a cui avevo detto e rivelato tante cose generali) , e di Alberto Caperna, entrambi amici di Paolo Ferraro, e accomunati a lui dal non accettare quello che gli veniva fatto ma soprattutto dall’aver capito quel troppo di più che non poteva essere lasciato in giro ed in mano ad una magistratura coerentemente aderente alla legalità repubblicana e costituzionale.
“HANNO REALMENTE INVASO LA SOCIETA’ [n.d.r.E LA POLITICA] DI PUPAZZI” con cinquanta anni di lavoro sotterraneo. Le relative strategie dovevano ad ogni costo rimanere segrete .. ma sono concreti apparati militari e concrete aree di potere che hanno arruolato anche (alcuni e non tutti) magistrati, medici, psichiatri e altro. 
Mancano ancora pochi riscontri “quantitativi” forniti del carattere di prova. 
ORA INVECE SAPETE QUANTO BASTA E LO SAPETE TUTTI non dalle mere parole di una icona “eroina del complottismo”, la Catie gestita quasi immaginificamente e per non dare concretezza alle informazioni relegate al discorso “sulle caste irraggiungibili”,  o dalle mere parole del dicembre 2011 e poi replicate ad inizio 2012,  pronunciate da un magistrato un pò troppo puro e coraggioso che si affacciava appena, inizialmente, a nuove acquisizioni, o da scritti e documenti di controvertibile credibilità provenienza o difficile intelleggibiità che “narrano” di progetti e di sperimentazioni,  ma da LE PROVE DIRETTE E REGISTRAZIONI DELLA GRANDEDISCOVERY1 GRANDEDISCOVERY2 che si sono succedute dall’Aprile 2012. 
E la “attenta osservazione” che ora potete mettere in atto consapevolmente  di cosa accade nel mondo della società e della politica ed intorno a voi o da voi partecipato, e persino sulla rete, se avrete “studiato” “ascoltato” e “valutato”  con attenzione, sarà preziosa e costituirà tanti  passi in avanti.   

3. IL SILENZIO DI OGGI, COMPROMESSO E CONNIVENTE O COMPLICE.
Impedite in tutti i modi ai direttòri che coprono, ai politici della alternativa superficiale anti sub casta politica (e basta …) che nascondono, di celare con un silenzio, ormai compromesso e almeno connivente.
Varchi di comprensione intelligente si vanno aprendo nel mondo delle istituzioni e delle sacche di legalità, in specie giudiziarie. 
Ma vi è di più, in un blog denominato romafaschifo, all’interno di un dibattito su un articolo che tratta di  una struttura ospedaliera particolare dismessa ed occupata, e ad opera di una persona palesemente informata al millesimo e quindi investigativamente operativa che è voluta rimanere anonima, abbiamo ritrovato casualmente, mediante ricerca google per nome e cognome miei,  qualcosa. 
Un commento di grande significanza,  non per la accorata denuncia del caso FERRARO o per  la rabbia ed il disgusto, non per le frasi di sdegno sulla gestione ed occupazione della struttura, nè solo  per la  indicazione di indagini in corso e di generici scenari che esse aprono, ma per la indicazione di un ulteriore filo scoperto che collega aree politiche  “di fede democratica”  alla organizzazione e struttura deviata oggetto della nostra specifica iniziale denuncia.  
 

 Più volte abbiamo anticipato che il nucleo militar deviato e /a psico setta a mera copertura anche “satanista” della Cecchignola “parlava” negli incontri a tutt’altra “colorazione”, di movimento cinque stelle nel 2008, non sufficientemente pressato e  non piegato Grillo e definito per questo …”uno stronzo”.

Stesso epiteto destinato nel settembre 2010, me testimone, dall’esoterico pm deviato Stefano Pesci all’assente Pietro Saviotti, dinanzi ad un consenziente Agnello Rossi.   Più volte abbiamo integralmente descritto non solo che si trattava di una psico setta struttura più che ragionevolmente collegata a servizi militari, e dopo aver riportato pari pari sue affermazioni dell’autunno 2008 abbiamo indicato il ruolo  già tratteggiato nel prologo del MEMORIALE del 6 marzo 2011, della Sabrina che aveva “viaggiato” tra Rifondazione comunista, i trozskisti e infine IDV, ante litteram   militante simpatizzante  del VF day … così come suoi amici …militari e non .. “rivoluzionaroidi” .. 

Saremmo in grado di puntualizzare nome per nome circostanza per circostanza, frase per frase, dato per dato, ma ora per la prima volta la ironica ferocia antiistituzionale della ironia del gruppo e il riferimento a GRillo ve lo facciamo puntualmente ascoltare. 
Già tutto era a potenziale disposizione,  ma estrarre e far ascoltare attentamente è ormai divenuto necessario per farvi una idea “a tutto tondo”. 
 
 
4. VI E’ UNA SOLA STRADA PER FERMARE TUTTO QUESTO 

 VI E’ UNA SOLA STRADA PER CONTRASTARE TUTTO QUESTO: AFFRONTARLO IN CONCRETO attività per attività. struttura per struttura , uomo per uomo .. eNON NASCONDERLO, anche solo dietro una informazione che fa volontariamente o involontariamente da cortina fumogena rispetto ai reali poteri in gioco, anche da noi in questo momento. 

E CHIAMARLO COME SI CHIAMA: un apparato sovraordinato con strutture militari e metodiche varie e metodologie avanzate, infiltrato nelle istituzioni, nella magistratura, nella medicina e psichiatria, nellasocieta’, nella politica e nella criminalita’ organizzata,  bel altro ed oltre che ” i politici”: un apparato   la cui matrice militare internazionale e nazistoide e copertura nazi-komm non è più possibile nascondere.
E RIADEGUARE MODELLI OBIETTIVI E TERRENI DEL FAR POLITICA SECONDA UNA NUOVA E PRECISA SCALA DI PRIORITA’. 

Se qualcuno non lo avesse ancora capito, questo apparato si muove in maniera proteiforme, funzionale alla azione complessa di quelli che una volta chiamavate “poteri forti”. E’ anti mondialista di facciata, per poter distruggere l’Europa schiava del mondialismo di matrice oligarchico finanziaria, ma costituisce  un braccio militare della forza e  potere mondialista, ed e’ antimondialista antieuropeista di sostanza perseguendo anche un progetto nazional eversivo la cui matrice estrema è certamente nazista come formazione cultura ed identità storica. MA le vie nazionali e questo apparato sono sotto controllo delle agenzie internazionali, non sufficiente e stretto, ed in interconnessione continua con esse. 

Chiusa la via mondialista pura,  soggiogata ma non interamente la EUROPA che contribuiva sino alla fine degli anni ottanta ad un equilibrio pentapolare, i poteri forti tengono in caldo  le vie nazionali che sono una necessità della crisi, per poi riporle, a missione storica compiuta. Il destino di questa Europa ridotta a kapò sembra esser segnato..

 L’area profonda da noi delimitata persegue gli stessi obiettivi di salvaguardia della nazione Italia  nell’additare la circostanza obiettiva della trasformazione della Europa dei diritti, delle culture comuni, delle garanzie e delle tutele, nella Europa delle banche e della alta finanza internazionale  che porta alla autodistruzione gli Stati,  a partire dal
debole mediterraneo.

Si dimenticano di dirvi che prima di tutto era stato necessario occupare e annullare l’EUROPA autonoma dalla finanza internazionale  e che anche l’EUROPA ha subito una scalata ed infiltrazione gestita. Semplificano ovviamente lo schema, e attribuiscono ad una sola idea fondatrice  originaria quello che è stato invece costruito essenzialmente per uccidere la autonomia sana della Europa (che poi l’idea preesistesse ma convivesse con l’altra è almeno una evidenza oggettiva).

E intorno agli attentati a Bruxelles si è persino inscenata la “allegoria inconsistente” della simulazione assoluta, da parte di coloro che nel mondo “complottistoide” sono arrivati addirittura a negare la esistenza vera di morti feriti e rovine,  riducendo il tutto ad una mera totale simulazione del sistema informativo, ma a obiettiva  copertura delle false flag reali e profonde e questo è un fatto certo. Coloro che potessero volere da dietro le quinte un attacco terrorististico al cuore dell’EUROPA sono più di uno, ma chi poteva più di tutti volere la copertura del tutto usando una area Tavistockiana e formata da tempo  da cattivi maestri, se non chi la ha progettata ed inizialmente strutturata?! Si potrà dire che la cattiva scuola costruita a tavolino ha generato discepoli imbecilli di per sè, ma il risultato non cambia e la ipotesi può  soddisfare o meno. 

DI qui le mie ripetute invocazioni contro le TEORIE INGENUE e la invocazione di una TERZA VIA integralmente democratica che vedendo abbandonare l’EURO, rifondi e salvi  una EUROPA naturale contraltare delle mire assolutiste dell’imperialismo che si diceva una volta “americano”. Oggi non è neanche più possibile accomunare quei trecentocinquanta milioni di uomini donne e bambini: è in corso uno scontro tra due visioni e strategie. Una sola è la via che porta alla guerra ed al mondialismo violento che ripristini una egemonia impossibile, l’altra è la via dell’equilibrio multipolare. Noi possiamo solo indicare che siamo più favorevoli a quest’ultima, ma il carrozzone Italia se non si fa forza e non esce dalle due estremità della tenaglia farà comunque la fine della noce.

Da questo strada anche dipendono le sorti della democrazia della società e della nostra vita .. il gioco stesso della democrazia , ormai simulato e finto per grande parte, è in definitivo grande pericolo e ora lo sapete tutti, anche sui piani più reconditi e che dovevano rimanere nascosti. 

Ci si ostina a negare la realtà ma il nascondere ha fallito il suo compito già. 

E noi ce ne attribuiamo un merito, pur pagato a caro prezzo. 

 
Paolo Ferraro 
 
 
LA GRANDEDISCOVERY 1
LA GRANDEDISCOVERY 2
LA GRANDEDISCOVERY TRE ?! 
Un gruppo operativo psico setta a basamento militare e civile misto in grado di intervenire con metodiche e tecniche sinanche nelle case civili ignare .. e lo fa .. da molto tempo .. ma si fa anche beccare in flagranza .. potenza dell’intelletto e della banale tecnologia audio video .. uniti.
 


Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

INDICE COMPLETO GRANDEDISCOVERY 1, 2 e 3 SUL BLOG PAOLOFERRAROCDD.EU

MAPPA DEL SITO PAOLOFERRAROCDD.EU 


 IN RIAGGIORNAMENTO



ALLA DATA DEL 14 maggio 2016
IL SITO CHE RISTRUTTURA TUTTA LA GRANDEDISCOVERY UNO CON INDICI ANALITICI E SISTEMATICI 

LA INTERA GRANDEDISCOVERY CON TUTTE LE PROVE SU BLOG

LA GRANDEDISCOVERY SINTESI PER TUTTI

Seguendo semplicissime istruzioni ( scarica – scompatta e clicca poi su index.html) potete scaricare ed avere a disposizione il blog paoloferrarocdd.eu in locale, con tutti gli articoli, ed altresì con l’indice nuovo riordinato (il tutto alla data del 16 dicembre 2015 in attesa del blog e regalo integralmente aggiornato a Pasqua 2016 )

N.B. copiando tutto il contenuto da voi scaricato su un CD o DVD sarete in grado di regalare far visionare e diffondere due blog offline completi: un pensiero e regalo innovativo.
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

LA PROFFERTA PELOSA BLANDITA DELLA ASSUNZIONE COME DIRIGENTE AL MINISTERO DI GIUSTIZIA

Il sei gennaio del 2014, inviato dal Sottosegretario “permanente” al Ministero della Giustizia, magistrato fuori ruolo COSIMO FERR (attuale sottosegretario nonostante il cambio dei Ministri sino ad oggi), perviene al dott. Paolo Ferraro l’sms che segue.

</div>

</div>

Una ventina di giorni prima, sotto il Natale 2013 (fintamente ed astutamente, per
quanto è concesso ad una persona leale),  avevo aderito all’approccio
da me stimolato,  e passato  una ora interessante al Ministero,  ma prima sotto la Camera dei deputati dove l’autista del “sottosegretario” attendeva Cosimo Ferri, impegnato a illustrare un disegno di legge, credo  si trattasse del disegno di legge sulla “depenalizzazione”,  tanto cara ai fautori del “diritto penale minimo”,   la cui ulteriore matrice coperta protocollare da SAVI mi sarebbe stata chiara solo dopo aver letto il testo dei “Protocolli dei Savi anziani di Sion”. (Alla commissione ministeriale per la depenalizzazione mi risulta , salvo errori, che partecipano/hanno partecipato  sia Giuseppe Corasaniti che Paolo Cendon).
L’incontro, utile ovviamente a capire cosa si ordisse,  verteva sulla impossibilità di lasciare in quella situazione un uomo del mio “valore”  e sulla necessità, diceva Ferri. di risolvere la questione. 
Ero stato anche invitato via sms prima di Natale all’incontro per gli auguri festivi (rinfresco di saluto) tra i magistrati di M.I, tramite un candidato magistrato alle elezioni del nuovo CSM, che non conoscevo e chiaramente sollecitato da Ferri, il solo ad avere il mio cellulare , . .  
Lì capii  meglio che molto più di qualcosa non quadrava (un magistrato della Procura di Roma, personaggio sgradevole, untuoso,  e militaresco alla sotto ufficiale maniera  nei comportamenti, inferocito dentro ma esteriormente calmo, interloquì “tu che ci fai qui” .. sibilando poi, attento a non farsi sentire: ” .. troppe denunce troppi esposti”,  e  due membri del CSM venuti sul tardi, che avevano partecipato alla mia dispensa – l’uno votando e il traditore Angelantonio Racanelli astenendosi, sol perchè della Procura di Roma, divennero  rossi in viso e cupi, appena mi notarono).
Val la pena di ricordare, con l’occasione, che un anno prima, mentre tramavano a mia insaputa per la mia distruzione civile e neanche sapevo della mia “dispensa per inettitudine”, tra capo e collo al CSM  era piovuta la mia istanza di aspettativa per “presentazione alle elezioni del 2013” e, visto quello che era in pentola,    alla doccia fredda avevano risposto facendo firmare di corsa il decreto di dispensa dal servizio dal Ministro dell’epoca …. 
Curava la sincronia estrema e la corsa a tempo, con altissima probabilità il vice capo di Gabinetto Filippo Vitello … cui avevo  appositamente telefonato il 24 gennaio 2011 per evidenziare il suo ruolo nelle vicende del 2009  


Sette gennaio 2013 ore 18 e 24 c.a. udienza plenaria straordinaria del CSM : 




Questa era  la voce di Racanelli, nella seduta straordinaria pomeridiana del CSM 7 gennaio 2013: “Paolo Ferraro  non fa parte dell’ordinamento  giudiziario” ed  il ” va bene”  del vicepresidente del CSM Michele Vietti   … 

<a style=”clear: right; float: right; font-family: ‘trebuchet ms’, tahoma, verdana, sans-serif; font-size: 12.8px; line-height: 17.024px; margin-bottom: 1em; margin-left: 1em; text-align: right;” href=”https://2.bp.blogspot.com/-agCEfe3uUKQ/VzR7wMQQigI/AAAAAAAAGDg/uvuhYSY2zzgUZdkR4z31dNtnfpOSXC9LgCLcB/s1600/Vietti.jpeg”><img src=”https://2.bp.blogspot.com/-agCEfe3uUKQ/VzR7wMQQigI/AAAAAAAAGDg/uvuhYSY2zzgUZdkR4z31dNtnfpOSXC9LgCLcB/s1600/Vietti.jpeg&#8221; border=”0″ /></a>

 

<span style=”font-family: ‘times’ , ‘times new roman’ , serif; font-size: large; line-height: 150%;”><b>
</b></span>

 


II. LA DESTINAZIONE “BLANDITA” A DIRIGENTE AMMINISTRATIVO NEL MINISTERO DI GIUSTIZIA. 
Nel gennaio 2014, invece,  qualcosa
di traverso bolliva in pentola e puntualmente … emerse .. a suo
tempo.  
Torniamo indietro per un attimo: il
3 marzo 2013 “cautelativamente” avevo immesso nel quadro
globale una richiesta di avvalermi di un “istituto” esistente. Non che
ne avessi intenzione ma “tastavo il polso”: l’istituto  prevedeva la assunzione di magistrati dispensati come dirigenti
amministrativi al Ministero. 
La legge dice che doveva subito essere accolta la domanda ed istruita e , puntualmente, come immaginavo e volevo comprovare, non era avvenuto
questo. 
Avevano “optato” a mia insaputa  per la morte civile, la nomina di un amministratore di sostegno e poi … la richiesta di invalidità civile dall’amministratore ……… (NESSUN COMMENTO QUI).
Fallitoclamorosamente il tentativo di distruzione totale si apprestavano a ripescare “fuori sacco e fuori termine” la domanda mia cautelativa (intuivo..),  e sotto la altamente probabile pressione degli “alcuni parenti” che, vistisi sfuggire il massacro di Paolo Ferraro organizzato a ben altri livelli, globalmente,  forse avevano chiesto “anche” il conto. 
Comunque la immissione nel ruolo dirigenziale prevedeva (scusate la ironia implicita) la determinazione del GRADO DI INVALIDITA’ CIVILE (separatamente “compensando” con un assegno mensile ad HOC) AD OPERA DI UNA COMMISSIONE TECNICA (PSICHIATRI dell’istituto di medicina legale della Cecchignola, militari forse, anche)  e “poi”  la eventuale riassunzione come dirigente amministrativo.
Insomma dalla finestra tentavano di far rientrare quello che era stato respinto dalla porta, e si avvalevano della presunta forza “contrattuale” o di ricatto meglio, derivante dal fatto che dispensandomi mi avevano messo sul lastrico, mentre  gli alcuni parenti arruolati avevano interesse criminale condiviso  ad un accertamento “legale” di invalidità … “mentale” .. per non parlare dell’apparato criminale che aveva orchestrato il più con la spinta del bulldozer  s……a Silvia Canali, ex moglie messami sotto, come ormai noto dal 1995. 

Va detto per capire bene il contesto, che la pronuncia criminale del CSM neanche si fondava artificialmente su una patologia ma su  un inventato disturbo misto che non configurava una “patologia” . 

</div>

Appena mi arrivò la comunicazione del Ministero  che aprivano la procedura, gioii: avevo capito ex ante tutto, ed in un istante scrissi l’articolo che rileggerete nella pagina collegata  A Socrate, più sano e vegeto che mai, l’ennesima coppa, tempestata digemme , orlata di miele e contenente l’ultimo  veleno insidioso,incolore ed insapore“, accompagnando l’articolo con una lettera trasmessa via pec il 13 gennaio 2014 del pari implicitamente indignata al Ministero. 

Nella missiva  facevo notare che si erano mossi con un anno di  “pausa di riflessione” e semplicemente  dicevo: “non se ne parla” nemmeno. 

Avevo chiesto al Ministero reiteratamente e  formalmente con la PEC del 15/11/2013 alle ore 13:43:01 che in autotutela revocasse il decreto di dispensa dal servizio e questa richiesta non era certo compatibile con l’acquiescenza al provvedimento di dispensa

Non c’è  bisogno che faccia notare la data a voi tutti: seguivo uno scandito programma di azione e già sapevo dove volevano arrivare. 
 

&nbsp;

</div>

La mossa mia, programmata da tempo, credo abbia avuto un effetto, su vari
piani direi, “devastante”. 
Il ministero a tempo di razzo revocò la procedura, mentre gli “alcuni parenti” ed i criminali
limitrofi già gongolanti rimasero a bocca asciutta,  e per l’ennesima volta
“incarogniti” per la lucidità della mia azione e delle mie scelte. 

Una scelta di coerenza che avrei pagato, necessariamente, perdendo forse il lavoro ipotetico   futuro, ma per una altra ennesima volta non piegandomi neanche al ricatto criminale dell’avermi estromesso dalla vista civile e lavorativa, privandomi sinanche dello stipendio e guadagnando in termini di libertà e libertà di azione. 



IL TENTATIVO ANTECEDENTE  DI INFANGAMENTO RAPPRESAGLIA DEL GENNAIO 2014
La “iniziativa” concreta della blandita assunzione come dirigente appare ex post  temporalmente  intrecciata con l’idiota e furibondo  tentativo di screditamento e
diffamazione della immagine di  Paolo Ferraro,  perpetrato convarie partecipazioni “anche coperte”  nella trasmissione n. 103 di border nights, del gennaio 2014 a sera inoltrata. 

La messinscena protocollar diffamatoria e pettegola, cogestita/condivisa,  che vide implodere la porcata e fece scoprire una cordata trasversale pariolin-montesacrina inchiodandola,  viene dettagliatamente analizzata mediante  quattro articoli dedicati con prove audio ed analisi …. direi sufficientemente    “sconvolgenti” 

<span style=”font-family: ‘trebuchet ms’ , ‘tahoma’ , ‘verdana’ , sans-serif; font-size: large; line-height: 150%;”><span style=”background-color: white;”>”</span><a style=”background-color: white;” href=”http://www.paoloferrarocdd.eu/grandediscovery1/escono-allo-scoperto-incastrati/&#8221; target=”_blank”><span style=”color: #bf9000;”>ESCONO ALLO SCOPERTO INCASTRATI ….</span></a><span style=”background-color: white;”>” </span></span>

<span style=”font-family: ‘trebuchet ms’ , ‘tahoma’ , ‘verdana’ , sans-serif; font-size: large; line-height: 150%;”><span style=”background-color: white;”>
</span></span>

</div>
</div>
https://www.twine.fm/widget/coewu0/large

<a href=”https://www.twine.fm/”>Music, film and photography on Twine.is</a>

</div>

</div>

Jesus Franco Primi 10 secondi trasmissione del 7 gennaio 2014

https://www.twine.fm/widget/coewn0/large

<a href=”https://www.twine.fm/”>Music, film and photography on Twine.is</a>

&nbsp;

</div>
</div>

 
Inoltre l’iniziativa fallimentare sarebbe stata seguita a brevissimo tempo dalla iniziativa dell’altro magistrato pariolino di antica famiglia di “nobiltà giuridica”,   Pierfranco Bruno, anche lui del grumo della ex Procura Circondariale,     poco prima   in servizio fuori  ruolo al Ministero ma all’epoca con funzioni di reggente Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma.  Pierfranco Bruno   telefonò impudentemente a Patrizia Foiani per pressarla con toni melliflui, sempre dopo la trasmissione border nights.
 

</div>

</div>

Nessuno  stupore: respinto il tentativo di distruzione civile e chiusa la parentesi (criminale) del tentativo di sottoporre ad amministrazione di sostegno il magistrato,avevano prima ripescato un tentativo di approccio “peloso”:  gli auguri provenienti con determinate forme e da certi ambienti hanno sempre un doppio fondo e a pensar male si fa
peccato ma ci si azzecca quasi sempre. 

Poi agito con stolida e stupida violenza diffamatoria. E la mia immediata reazione ed intervento avevano messo in allarme i protagonisti dell’intervento radiofonico.

In questo contesto “anche” si inquadra l’iniziativa concreta del Ministero comunicatami con una nota apposita, dopo qualche giorno.



</div>

Giuseppe Corasaniti

D’altronde i legami permanenti e contatti di Cosimo Ferri col ben “noto” magistrato Giuseppe Corasaniti, legato notoriamente ad ambienti radicali e transoceanici mi risultavano,  da sempre, compresi i suoi voli negli STATES e sinanche i suoi “rapporti” per bocca sua appresi in epoca non sospetta ( ricordo il senso di profonda disistima che provai sentendolo parlare di CIA, MICROSOFT e di programmi per la “alterazione” vocale “regalatigli” ) . 


<span style=”font-family: ‘times’ , ‘times new roman’ , serif; font-size: large; line-height: 150%;”> </span>

</div>

</div>
</div>

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento